Visita allergologica

Che cos'è e a che cosa serve la visita allergologica?

La visita allergologica consente di diagnosticare o monitorare un disturbo di carattere allergologico. Il paziente che si reca dallo specialista allergologo potrebbe essere colpito da sintomi quali difficoltà respiratorie, prurito, bruciore o fastidio agli occhi, naso chiuso o che cola, emicrania, eczema.

Grazie alla visita allergologica è possibile individuare il tipo di allergia di cui soffre il paziente e impostare la terapia più opportuna.

La visita allergologica è altresì indicata come momento di controllo per monitorare un’allergia già diagnosticata.

Come si svolge la visita allergologica?

La visita si apre con una prima fase di anamnesi in cui lo specialista si informerà circa la storia clinica e lo stile di vita del paziente, ascolterà inoltre i sintomi che questi riferisce e visionerà gli eventuali esami già effettuati.

I test che possono essere utili per escludere o accertare un’allergia sono:

  • Prick test: mediante una puntura sulla cute con un ago si inietta l’allergene nell’organismo. Si aspettano 20 minuti e poi si osserva la zona dell'iniezione: in presenza di un ponfo rosso e caldo, il paziente è sensibili all'allergene iniettato.
  • Test di provocazione: l'allergene viene direttamente applicato a livello oculare, nasale e bronchiale, per poi valutarne la risposta dell'organismo.
  • Patch test: applicazione sulla pelle di cerotti contenenti estratti allergizzanti.
  • Rast test o test di radio-allergo-assorbimento: ricerca nel sangue delle IgE, o immunoglobuline E, specifici anticorpi.
  • Nel caso in cui si sospetti la presenza di una malattia bronchiale ostruttiva il paziente può essere sottoposto anche a una spirometria.

Sono previste norme di preparazione?

Il paziente è invitato a portare con sé gli eventuali esami già effettuati riguardanti il problema allergologico, compresi esami del sangue recenti, anche se eseguiti per altri motivi. Almeno cinque giorni prima della visita è consigliabile evitare l'assunzione di antistaminici e, se il motivo della visita è una forma di dermatite, sarebbe bene evitare anche l'uso di cortisonici almeno nelle due settimane precedenti la visita.