Visita ortopedica a mano e polso

A cosa serve la visita ortopedica a mano e polso?

La visita ortopedica alla mano o al polso permette di diagnosticare eventuali patologie a carico della mano o del polso, come per esempio un’infiammazione, una degenerazione che interessi le ossa, le articolazioni, i muscoli o i tendini, una compressione di nervi, come nel caso della sindrome del tunnel carpale, deformità di natura reumatica o artrosica, tumori ed esiti di traumi.

Come si svolge la visita ortopedica a mano e polso?

La visita si apre con una fase di anamnesi, in cui lo specialista si informerà circa la storia clinica del paziente (traumi, interventi subiti, patologie pregresse o in corso) e lo stile di vita. Ascolterà poi i sintomi riferiti dallo stesso paziente, come per esempio dolore, rigidità, intorpidimento, limitazione nel compiere alcuni movimenti, e procederà poi alla visita attraverso l’osservazione, la palpazione e l’esecuzione di specifici test.

Lo specialista potrebbe anche prescrivere esami di approfondimento, come ecografia, elettromiografia, Tac e risonanza magnetica.